Un bianco bio per una serata vegetariana. E non solo

Sarà che la prima volta è stata in occasione di una cena vegetariana in compagnia di una donna stupenda e affascinante in un romantico appartamento nel cuore di Bologna. Ma quando ho letto questa ricetta a base di radicchio con mela, uvetta e pistacchi, non ho potuto non associarla al Pignoletto di Donatella Zannotti.
Se dovessi descriverlo in una scheda più o meno tecnica direi che questo vino, 100% uve Pignoletto 100% biologico, potrebbe far ricredere anche quelli che non amano i vini biologici che con la puzza sotto il naso sostengono che sono pieni di puzzette. Questo Tomisa Castel de’ Britti ha un bel colore paglierino carico, al naso presenta note di frutta bianca matura e mandorla. In bocca è bello grasso ma con una sua elegante freschezza. Unica nota sopra le righe l’alcool che ogni tanto si fa sentire da solo.
Per chi, invece, adora le descrizioni decisamente hard, il vino ha un «affinamento di 10 mesi in vasca di cemento vetrificato a contatto con le feccie nobili, continui batonage settimanali fino all’ imbottigliamento, ulteriore affinamento in bottiglia per 3 mesi prima della commercializzazione».

Se non lo descrivissi in un scheda tecnica direi che è l’ideale per una cena da ricordare in ottima compagnia. Una cena fatta di insalata con mela e melograno, musica jazz, luci soffuse, e una affascinante donna con la quale parlare amabilmente di tutto. Una donna affascinamente che ho scoperto essere anche una ottima cuoca,
una seducente Cenerentola con la scarpetta intrigante non di cristallo ma di Prada tacco 12 che mi ha fatto
vivere una sorta di piccola favola.

La ricetta di Simona mi ha fatto venire in mente questa stupenda serata e quindi questo Pignoletto sarà sicuramente il sottofondo armonico di una serata indimenticabile

Azienda: Tomisa Castel de’ Britti
Denominazione: Pignoletto Emilia Igt
Annata: 2010
Tipologia: Bianco Biologico
Uvaggio: Pignoletto 100%
Gradazione: 14,5%
Indirizzo azienda: San Lazzaro di Savena (Bo); http://www.tomisa.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tra il bianco e il... rosso, Vino. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un bianco bio per una serata vegetariana. E non solo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...